Contattaci |

+39 351 877 94 61

Orari: LUN – VEN 10:00/17:00 |

Era una fredda mattina di gennaio del 1874, non era passato neanche un anno dalle esequie monumentali di Manzoni e Milano si preparava a salutare Giuseppe Rovani, scrittore scapigliato e gran viveur appena spirato, a cinquantuno anni, nella Casa di

Oggi cari amici vorrei parlarvi di due tecniche narrative diverse ma in qualche modo complementari: il flashback e la digressione, che sono molto importanti e agiscono sul tempo e sull’ordine della narrazione.

Erbacce infestanti, principi azzurri, efferati assassini e un uomo che si sveglia la mattina da un brutto sogno mentre la luce filtra dalle tapparelle.

Uno scrittore che si rispetti, deve nutristi soltanto di prodotti culturali alti?

In realtà ogni rappresentazione ha le sue difficoltà per chi scrive, molto dipende dalla propria inclinazione e anche, diciamo così, dal proprio gusto

“alla cugina Livia questo che è ricordo del suo buon cuore perché volle, sebbene senza frutto, aiutarmi nella lotta contro il vizio

Un lettore disorientato è un lettore che può decidere di abbandonarti e forse già ci sta pensando.

× Dubbi? Chatta con noi