Ruxandra Dragoescu

Ruxandra Dragoescu è nata in Romania. Si è laureata in scienze politiche a Bucarest e in letterature comparate a Napoli, dove vive da quasi venti anni. Ha lavorato come traduttrice e come interprete e ha fatto la giornalista per un giornale della diaspora romena. Ha partecipato a vari concorsi letterari, è stata pubblicata insieme ad altri. Alcuni esempi: in lingua francese, Premio Universitario di Narrativa in lingua francese dell’Università di Napoli L’Orientale, Napoli racconta, 2014, in lingua romena: Carti, Filme, Muzici si altre distractii in comunism, Ed. Polirom, 2014, Revista de povestiri, 2013, Nr. 13, Povestile de la Bojdeuca, Editura Muzeelor Literare, 2014,  in italiano:  Lingua Madre 2012, Racconti di donne straniere in Italia, Edizioni Seb 27, Frammenti di Filosofia contemporanea vol. V, Lumina Mentis editore, 2015, Ritorno a casa, Ciesse Edizioni, 2013. Dice del suo rapporto con la scrittura: "Scrivo per mia nonna. Faceva la giornalista per il giornale più importante del paese e scriveva sempre e ovunque, nei diari, sui fogli, sul frigorifero. Lei diceva che per me scrivere era predestinato, e dava come prova il tradizionale 'taglio del ciuffo', la festa dei miei 4 anni. Si tratta di una festa durante la quale al bambino si taglia il suo primo ciuffo e gli si mette davanti un vassoio d’argento (o di plastica, piuttosto, durante il periodo comunista), pieno di oggetti luccicanti e scintillanti, di meraviglie e di tesori che lui non ha mai visto o toccato prima: macchinine, giocattoli, oro, soldi, profumi, ecc. e ogni oggetto simboleggia qualcosa. Cosa mi sarà passato per la testa quando mi sono sentita attratta da una penna stilografica nera e semplice, scegliendola per prima?

Tutti voi avete ricordi terribili di cui vi piacerebbe sbarazzarvi. Se aprite questa bottiglia di zuppa e ne bevete un sorso, il vostro passato svanirà
Marzo 22, 2021

Si vergognava di queste storielle, ironiche, erotiche, crude, dai molteplici piani narrativi, scritte per divertire i suoi fratellini
Gennaio 11, 2021

La figura affascinante della vedova Siemens, sconosciuta fino alla lettura di questo romanzo, meriterebbe forse un seguito
Dicembre 7, 2020

Dovrebbe renderci fieri, quella gru cenerina con quelle gambe sottili e lunghe, alzata da terra, perfetta, quadrata, un orgoglio per la città di cemento.
Settembre 27, 2020
Dentro la lampada

Il circolo della fame

Dovrebbe renderci fieri, quella gru cenerina con quelle gambe sottili e lunghe, alzata da terra, perfetta, quadrata, un orgoglio per la città di cemento.

Leggi Tutto
Apri la chat
Dubbi? Chatta con noi
Ciao! Scrivimi un messaggio per dirmi come posso aiutarti :)