La scrittura non va in vacanza: concorsi e call

Il primo venerdì del mese ti segnaliamo call e concorsi di scrittura.

Eccoci qui, con il nostro appuntamento mensile che segnala concorsi e call delle case editrici.

 

Un ponte sul fiume Guai“: ogni due anni questo concorso, indetto dalla Onlus Moby Dick e giunto alla sua IX edizione, apre uno spazio per il racconto e la condivisione di esperienze che sembrerebbero indicibili ma non lo sono: quelle che hanno a che fare con la malattia, propria o di una persona cara. Ne ha scritto Paolo Restuccia in questo articolo, il bando si scarica qui. Hai tempo fino al 16 dicembre per partecipare.

 

A che punto è il tuo romanzo? Il 10 luglio si aprono le iscrizioni a uno dei premi nazionali per esordienti più prestigiosi, il Premio Calvino: trovi qui tutte le informazioni. Puoi candidarti fino al 9 ottobre!

 

Se hai meno di 25 anni e un romanzo nel cassetto, è ora di farlo uscire allo scoperto! La casa editrice effequ cerca giovani talenti da inserire nella sua collana Rondini: ti basta inviare il romanzo, una sinossi e una tua biografia entro il 31 agosto all’indirizzo e-mail finestra@effequ.it

 

Anche per questo mese è tutto, noi ci risentiamo il primo venerdì di agosto. Se hai bisogno di aiuto per rivedere il tuo progetto in vista di una candidatura, scrivici all’indirizzo genius@storygenius.it

In bocca al lupo e buona scrittura!

Condividi su Facebook

Sabrina Silvestri

Docente della scuola Genius, è esperta di medicina narrativa; gioca con le storie e le parole in ogni ambito professionale, da quello editoriale - dopo il Master in Mestieri della scrittura ha continuato a collaborare come consulente per Bompiani, che l'aveva selezionata per il tirocinio formativo - a quello artistico. Lavora come clown socio-sanitario. Ha pubblicato racconti per la rivista letteraria "Mosse di seppia".

Tag

Potrebbe piacerti anche...

Dentro la lampada

“Pulita” di Alia Trabucco Zerán (Sur)

Un romanzo con una narrazione serrata, ossessiva, potente, a tratti flusso di coscienza, che ci accompagna dentro la condizione priva di speranza di chi lavora per gli altri, che non conoscono nulla di lei se non quello che a loro interessa, come se fosse un’ombra.

Leggi Tutto
Apri la chat
Dubbi? Chatta con noi
Ciao! Scrivimi un messaggio per dirmi come posso aiutarti :)