Il silenzio di Maya Angelou

Quando pronunciare un nome può uccidere, parlare più fare paura.

Maya Angelou si guardò nello specchio macchiato appeso vicino al letto.
Ogni sera faceva fatica ad addormentarsi da quando Freeman, il compagno di sua madre, l’aveva sorpresa nel sonno e l’aveva stuprata.
Maya aveva otto anni.
Lei aveva detto tutto a suo fratello che l’aveva detto a sua madre e quell’uomo era finito in prigione, ma l’avevano scarcerato quasi subito.
Quattro giorni dopo era morto, pestato a sangue da zio Willie.
“La mia voce l’ha ucciso”, pensò Maya, “ho ucciso io quell’uomo, perché ho pronunciato il suo nome”.
Lo specchio rifletteva il suo volto, ma fino all’altezza del naso perché una macchia di umidità le nascondeva la bocca.
“Non devo più parlare, se la mia voce può uccidere qualcuno”.

 

Bibliografia:

Maya Angelou, Il canto del silenzio, Sperling&Kupfer;
Maya Angelou, Unitevi nel mio nome, Frassinelli.

Condividi su Facebook

Loredana Germani

È tra i fondatori della Scuola di scrittura creativa Genius. Dopo gli studi in Storia e Letteratura italiana, scrive diversi racconti autobiografici e articoli in cui descrive incontri con autori. Ha curato l’antologia di racconti A Roma San Giovanni e tiene la rubrica Vita da scrittore sulla rivista letteraria Dentro la lampada, nella quale narra opere e aneddoti di grandi personaggi letterari.

Tag

Potrebbe piacerti anche...

Apri la chat
Dubbi? Chatta con noi
Ciao! Scrivimi un messaggio per dirmi come posso aiutarti :)