Lucia Berlin a New York

Incanti e inganni di una nuova vita.

“Race mi ha perdonato il tradimento con Boody, credo. In ogni caso abbiamo deciso di cominciare una nuova vita a New York. Abitiamo in un monolocale piccolissimo sulla tredicesima strada, al quinto piano. È luminoso e soleggiato, le finestre affacciate sui tetti con camini come minareti. Piccioni e parrocchetti azzurri smarriti. La prima sera sono rimasta seduta alla finestra a osservare una vera scala antincendio e scorgere un tramonto rosa tra gli edifici marroni. Le persone negli altri appartamenti si gridavano contro o parlavano sottovoce dolcemente. Ero elettrizzata. Questa è la vita. Questa è New York!
Ma poi mi son resa conto che quelle voci provenivano dalla TV anche se sul momento non l’avevo mica capito”.

Bibliografia:

Lucia Berlin, La donna che scriveva racconti, Bollati Boringhieri;
Lucia Berlin, Welcome Home, Bollati Boringhieri.

Condividi su Facebook

Loredana Germani

È tra i fondatori della Scuola di scrittura creativa Genius. Dopo gli studi in Storia e Letteratura italiana, scrive diversi racconti autobiografici e articoli in cui descrive incontri con autori. Ha curato l’antologia di racconti A Roma San Giovanni e tiene la rubrica Vita da scrittore sulla rivista letteraria Dentro la lampada, nella quale narra opere e aneddoti di grandi personaggi letterari.

Tag

Potrebbe piacerti anche...

Dentro la lampada

Fuga

L’importante è respirare e non girarsi mai indietro.

Leggi Tutto
Apri la chat
Dubbi? Chatta con noi
Ciao! Scrivimi un messaggio per dirmi come posso aiutarti :)