Male a Est, Andreea Simionel

Niente è ridondante, gratuito, consolatorio. La messa in scena è all’inverosimile, l’aggettivazione ridotta al grado zero.

“Non ce lo dicono. Lo veniamo a sapere a poco a poco. Come un bicchiere di acqua fredda, che a berla tutta di colpo fa venire male ai denti. Il figlio della maestra è morto in un incidente su Strada della Pace. L’ha ammazzato un autista ubriaco. Era buio, pioveva e c’era la strada bagnata e non c’erano i semafori e le strisce pedonali. Di che cosa è morto, il figlio della maestra? Di pioggia. Di strisce pedonali assenti. Di Strada della Pace”.

Questo è solo un estratto del romanzo Male a Est, di Andreea Simionel, pubblicato nel 2022 da Italo Svevo Edizioni. L’ho scovato a una fiera e quando ho aperto il libro a caso, queste sono le prime righe in cui mi sono imbattuta. Ho subito pensato a una coincidenza fortunata, invece anche le pagine precedenti e quelle successive avevano la stessa potenza.

La potenza di una lingua che non è la lingua madre dell’autrice e non è neanche frutto di traduzioni e che, proprio per questo, costringe a una ricerca, a un lavoro senza scampo su parole e segni di interpunzione. Un lavoro di cui non si può fare a meno se si vuole che anche solo una virgola o un punto e a capo possano diventare, possano ‘farsi’ lingua madre. Non si può lasciare niente al caso.

E in Male a Est è proprio così: niente è lasciato al caso. Niente è ridondante, gratuito, consolatorio – e in questo l’autrice ricorda tanto Ágota Kristóf. Anche Andreea Simionel mette in scena all’inverosimile, l’aggettivazione è ridotta al grado zero e tutto questo fa del romanzo e della voce dell’autrice qualcosa di necessario, di indispensabile, per chiunque voglia fare lo scrittore.

 

Buona Lettura!

 

Condividi su Facebook

Flavia Ganzenua

Ex allieva di Paolo Restuccia. Ha lavorato come dialoghista televisiva (Rai e Mediaset), ha scritto racconti per antologie collettive (Mondadori), riviste e blog (Nazione Indiana). Ha pubblicato la raccolta "La conta delle lentiggini" (CaratteriMobili, 2013). Conduce da anni laboratori di scrittura.

Tag

Potrebbe piacerti anche...

Dentro la lampada

Calvario

A “X”, per giocare, c’erano solo la fantasia, i piedi e le mani. Anche la voce, ma bassa, finché si era per le strade.

Leggi Tutto
Apri la chat
Dubbi? Chatta con noi
Ciao! Scrivimi un messaggio per dirmi come posso aiutarti :)