Primo Levi e il chimico di Auschwitz

Qualche settimana prima aveva contattato i fornitori tedeschi per una vernice difettosa e ora era arrivata la risposta. Non riusciva a staccare gli occhi dalla firma.

“È proprio lui, non c’è dubbio!”
Primo Levi fissò la lettera che aveva appena ricevuto da un’azienda tedesca che forniva vernici alla Siva di Settimo Torinese, dove lui lavorava in qualità di Direttore tecnico.
Qualche settimana prima aveva contattato i fornitori tedeschi per una vernice difettosa e ora era arrivata la risposta, firmata da un certo ‘Doktor Müller’.
Primo Levi non riusciva a staccare gli occhi da quella firma.
Nel laboratorio chimico di Auschwitz c’era un Doktor Müller che diceva «beta-Naptylamin» anziché «beta-Naphtylamin», omettendo la h. Nella lettera ricevuta, questo Müller scriveva Naftenat anzichè ‘Naphthenat’: lo stesso errore, lo stesso lapsus, lo stesso cognome.
La mano che reggeva il foglio cominciò a tremare: in un attimo Primo Levi rivide ‘il non dimenticato laboratorio pieno di gelo, di speranza e di spavento’ dove era stato impiegato come chimico al suo arrivo nel campo.
Il Doktor Müller non era un nazista, ma aveva accettato di collaborare a un progetto del Terzo Reich.
Levi ricordava di aver parlato con lui da chimico a chimico; una volta aveva ricevuto il permesso di radersi, un’altra volta Müller gli aveva regalato un paio di scarpe di cuoio. ‘Der Mann hat keine Ahnung’, ‘costui non si rende conto’, aveva pensato il giovane deportato italiano, che all’epoca pensava, sognava persino, in tedesco.
“Adesso gli scrivo e gli dico chi sono”, disse Primo Levi a mezza voce. Non voleva vendetta, non era mica il Conte di Montecristo, sentiva solo il bisogno di ‘ristabilire le misure’.
Gli avrebbe inviato una copia di Se questo è un uomo, tradotta in tedesco, naturalmente.

 

Bibliografia:

Primo Levi, Il sistema periodico, Einaudi;
Primo Levi, I sommersi e i salvati, Einaudi.

Condividi su Facebook

Loredana Germani

È tra i fondatori della Scuola di scrittura creativa Genius. Dopo gli studi in Storia e Letteratura italiana, scrive diversi racconti autobiografici e articoli in cui descrive incontri con autori. Ha curato l’antologia di racconti A Roma San Giovanni e tiene la rubrica Vita da scrittore sulla rivista letteraria Dentro la lampada, nella quale narra opere e aneddoti di grandi personaggi letterari.

Tag

Potrebbe piacerti anche...

Dentro la lampada

Calvario

A “X”, per giocare, c’erano solo la fantasia, i piedi e le mani. Anche la voce, ma bassa, finché si era per le strade.

Leggi Tutto
Apri la chat
Dubbi? Chatta con noi
Ciao! Scrivimi un messaggio per dirmi come posso aiutarti :)