La cronologia dell’acqua, Lidia Yuknavitch

Una storia di violenze subite e autoinflitte, di perdite e autosabotaggi ma in cui, soprattutto, quello che vince è la scrittura.

Capita spesso che allieve e allievi chiedano consigli di lettura un po’ più “tecnici”: di ottimi manuali di narratologia ce ne sono tanti, utilissimi per approcciare i romanzi che ci piacciono con un occhio più critico e dare struttura alle nostre idee.

Il problema è che, nella maggior parte dei casi, mi rendo conto che questa richiesta viene fatta per provare a zittire un’insicurezza di fondo; torna spessissimo, soprattutto nelle prime lezioni dei percorsi di scrittura, il leitmotiv “Non sono una persona tanto creativa”, e la speranza è quella di scoprire in un libro la ricetta segreta di autrici e autori, quella in grado di trasformare chiunque in una persona brillante, talentuosa, assolutamente capace di gestire le emozioni e tradurle nelle parole più giuste. È così che immaginiamo chi ha il proprio nome su una copertina, come se discendesse direttamente da qualche divinità e non abbia mai paura che quello che ha da dire non interesserà a nessuno, o che lo dirà talmente male che un fulmine si abbatterà sulla sua testa e non meriterà mai più di vivere nell’Olimpo.

Ecco, a chi ha bisogno di titoli sulle tecniche di scrittura suggerisco sempre di guardare anche i libri in cui queste divinità si raccontano, parlano del proprio personale rapporto con la scrittura, con il terrore di aver sbagliato tutto o che a sbagliare siano stati quelli che finora hanno dato un’importanza ingiustificata alle loro parole e ai loro mondi.

Uno dei libri di questo genere che ho amato di più è stato pubblicato in italiano nel 2022 da nottetempo: si tratta de “La cronologia dell’acqua” di Lidia Yuknavitch, tradotto da Alessandra Castellazzi. È un memoir, durissimo, in cui l’autrice racconta senza sconti una storia di violenze subite e autoinflitte, di perdite devastanti e autosabotaggi degni delle peggiori voci che dall’interno del nostro cervello ci ordinano a gran voce di posare immediatamente la penna, di distruggere tutto quello che abbiamo costruito. Ma è una storia in cui, soprattutto, quello che vince è la scrittura, che si fa acqua e sostiene un corpo che, una bracciata dopo l’altra, impara a tenersi a galla, a lasciarsi accarezzare con fiducia dalle onde.

Buona Lettura!

 

Condividi su Facebook

Sabrina Silvestri

Docente della scuola Genius, è esperta di medicina narrativa; gioca con le storie e le parole in ogni ambito professionale, da quello editoriale - dopo il Master in Mestieri della scrittura ha continuato a collaborare come consulente per Bompiani, che l'aveva selezionata per il tirocinio formativo - a quello artistico. Lavora come clown socio-sanitario. Ha pubblicato racconti per la rivista letteraria "Mosse di seppia".

Tag

Potrebbe piacerti anche...

Dentro la lampada

Mandela e Achebe

L’incontro con pagine illuminanti, in compagnia delle quali le mura della prigione non esistono più.

Leggi Tutto
Apri la chat
Dubbi? Chatta con noi
Ciao! Scrivimi un messaggio per dirmi come posso aiutarti :)