Scrivere con i Tarocchi: TROVA UNA MEDIAZIONE!

Ogni settimana una o due carte estratte a sorte dal mazzetto degli Arcani Maggiori dei Tarocchi ti suggeriranno che strada imboccare per sciogliere i dubbi tipici dello scrittore: affidati a loro e vedi che succede, forse ti arriverà il suggerimento che stavi aspettando.

Le carte della settimana: il Diavolo e Temperanza.

Le nostre carte questa settimana affrontano un tema esistenziale, quello del bene e del male. Da un punto di osservazione “esoterico” due dimensioni entrambi necessarie, quasi due energie complementari: non c’è bene senza male così come non c’è luce senza oscurità, né guarigione senza malattia.  I Tarocchi ci spingono a meditare su questo aspetto e ci rassicurano che dopo un periodo buio tornerà finalmente l’equilibrio.

Due parole sulla trama

Hai deciso per una trama decisamente noir? Allora mettici del bianco. Hai esagerato con le sequenze descrittive e riflessive? Allora inserisci dei dialoghi. Hai schiacciato tutti i personaggi sotto il peso del protagonista? Allora dai voce alle comparse.  Insomma, il consiglio è di trovare una mediazione fra gli opposti.

Per chi scrive romanzi gialli/noir: l’assassino uccide con l’intenzione di fare del bene.

Per chi scrive romanzi di fantascienza: il volo intergalattico verso un pianeta sconosciuto riserva una sorpresa diabolica.

Per chi scrive romanzi fantasy: per viaggiare dal mondo del Bene a quello del Male i protagonisti dovranno trovare un corso d’acqua che scorre sottoterra.

Per chi scrive romanzi horror: questa volta gli Angeli e i Demoni stringono un patto per combattere un nemico comune.

Per chi scrive romanzi rosa: lei lavora come hostess di volo, lui guida le metropolitane: s’innamorano a Capodanno e vanno a vivere al mare.

Per chi scrive romanzi esistenziali: il protagonista dà un’immagine di sé esente da sbavature, ma lo fa per nascondere un passato di corruzione e malvagità.

Per chi scrive romanzi storici: il personaggio della settimana è sfrenato da giovane, moderato in età adulta.

Per chi scrive romanzi erotici: dopo una giovinezza turbolenta in balia del desiderio carnale, riesce finalmente a raggiungere la pace dei sensi.

Per chi scrive racconti: la materia è pronta, hai solo bisogno di tempo per forgiarla.

 

Il consiglio del druido.

Se insegui il Bene o il Male rischi di essere astratto, scegli sempre le mezzetinte del rapporto umano.

A chi mando il manoscritto.

Se ti propongono contratti capestro, prendi tempo prima di decidere.

Il segno zodiacale vincente

Comportatevi in maniera opposta alle caratteristiche del vostro segno e otterrete giovamento.

Che libro leggo per ispirarmi

Delitto e castigo (1866), Fëdor Dostoevskij.

Che film vedo per una dritta

The Departed – Il bene e il male (2006), con Leonardo DiCaprio, Matt Damon, regia di Martin Scorsese.

Che serie seguo alla TV

L’incredibile Hulk (prima puntata, 1977), CBS.

Che pulce metto nell’orecchio

E ti vengo a cercare (1988), Franco Battiato.

Condividi su Facebook

Antonella Busino

Antonella Busino è nata a Caserta nel 1962. Dopo un percorso di studi classici, si è laureata in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Studia discipline esoteriche, tra cui i Tarocchi di Marsiglia e l'Astrologia Antica, e ha frequentato il ciclo di formazione presso l'Accademia dei Tarocchi. È anche Counselor radioestesico, formato presso la Società italiana di Radionica e Radioestesia, e operatore della tecnica della Consultazione dell'Angelo secondo il metodo di Igor Sibaldi Insieme a Mario Abbati ha pubblicato il manuale "Inventare storie con I Tarocchi “ (2022, Panda Edizioni): un metodo didattico in cui i Tarocchi di Marsiglia sono impiegati come strumento di sviluppo dell'attività creativa.

Mario Abbati

Mario Abbati è nato a Roma nel 1966, laureato in Ingegneria Elettronica e in Filosofia. Come scrittore ha pubblicato saggi, romanzi e raccolte di racconti. Studioso dei Tarocchi, da anni si interessa delle applicazioni di questo strumento alla narrativa. È docente di scrittura creativa presso la scuola di scrittura Genius.

Tag

Potrebbe piacerti anche...

Dentro la lampada

Calvario

A “X”, per giocare, c’erano solo la fantasia, i piedi e le mani. Anche la voce, ma bassa, finché si era per le strade.

Leggi Tutto
Apri la chat
Dubbi? Chatta con noi
Ciao! Scrivimi un messaggio per dirmi come posso aiutarti :)