Il Natale di Truman Capote

"Avevo paura degli estranei, e mio padre era un estraneo".

Fu Sook che mi raccontò di Babbo Natale, della sua barba fluente, del suo vestito rosso, della sua stridula slitta piena di regali e io le credevo, come credevo che tutto fosse la volontà di Dio, o del Signore, come lo chiamava sempre Sook.

Se inciampavo o cadevo da cavallo, o prendevo un grosso pesce al ruscello, beh, le cose belle o le cose brutte erano sempre volontà del Signore.

Fu questo che disse Sook anche quando le arrivò da New Orleans la terribile notizia: mio padre voleva che andassi a passare il Natale con lui.

Piansi, non volevo andare, non ero mai uscito da quella piccola e isolata cittadina dell’Alabama circondata da foreste, e fattorie, e fiumi.

Non mi ero mai addormentato senza che Sook mi passasse le dita tra i capelli e mi desse il bacio della buonanotte. Perdipiù avevo paura degli estranei, e mio padre era un estraneo. Lo avevo visto diverse volte ma ne avevo un ricordo confuso, non sapevo proprio quale fosse il suo aspetto ma, come disse Sook, “È la volontà del Signore e, chissà Buddy?, forse vedrai la neve”.

 

Bibliografia:

Truman Capote, Un Natale e altri racconti, Garzanti;

Truman Capote, Altre voci, altre stanze, Garzanti.

Condividi su Facebook

Loredana Germani

È tra i fondatori della Scuola di scrittura creativa Genius. Dopo gli studi in Storia e Letteratura italiana, scrive diversi racconti autobiografici e articoli in cui descrive incontri con autori. Ha curato l’antologia di racconti A Roma San Giovanni e tiene la rubrica Vita da scrittore sulla rivista letteraria Dentro la lampada, nella quale narra opere e aneddoti di grandi personaggi letterari.

Tag

Potrebbe piacerti anche...

Dentro la lampada

Calvario

A “X”, per giocare, c’erano solo la fantasia, i piedi e le mani. Anche la voce, ma bassa, finché si era per le strade.

Leggi Tutto
Apri la chat
Dubbi? Chatta con noi
Ciao! Scrivimi un messaggio per dirmi come posso aiutarti :)