Contattaci |

+39 351 877 94 61

Orari: LUN – VEN 10:00/17:00 |

Come si riconosce un capolavoro?

– Rivisto Il Vangelo secondo Matteo. Film bellissimo. Un capolavoro.

– Proprio sicuro?

– Sta scherzando? Per pochi film possiamo dirlo con altrettanta sicurezza.

– Come si riconosce un capolavoro da un non capolavoro?

– Bella domanda, la sta facendo a me?

– Lei vede qualcun altro?

– Simpatico! Beh, io direi che non c’è un modo sicuro, che è impossibile stabilirlo con certezza. Nessun giudizio è infallibile. Temo neanche il suo.

– Il mio sì, il mio è infallibile.

– Come fa a esserne tanto sicuro? Sfoderi il suo pedigree!

– Nessun pedigree. In presenza di capolavori mi si accende un led, ecco tutto.

– Ah, le si accende un led…

– Esatto, sul capezzolo.

– Mi spieghi meglio. Quale capezzolo?

– Non sia pedante, lasci stare i capezzoli, concentriamoci su Pasolini e il suo Vangelo, questo è il fuoco del discorso!

Come forse sapete, di Pierpaolo Pasolini – poeta, regista, romanziere, critico, drammaturgo – ricorrono quest’anno il cento anni dalla nascita (nasce infatti a Bologna il 5 marzo 1922 e muore il 2 novembre del 1975 a Ostia). Fra le molte pubblicazioni uscite in concomitanza col centenario vi consiglio: Giorgio Manacorda, Pierpaolo poeta – Le poesie di Pasolini (Castelvecchi); Renzo Paris, Pasolini – Moravia due volti dello scandalo, (Einaudi stile libero); e Dacia Maraini, Caro Pierpaolo (Neri Pozza).

“Abbiamo perso prima di tutto un poeta. E poeti non ce ne sono tanti nel mondo, ne nascono tre o quattro soltanto in un secolo. Quando sarà finito questo secolo, Pasolini sarà tra i pochissimi che conteranno. Il poeta dovrebbe essere sacro!” (Moravia, orazione funebre a Campo de Fiori per Pasolini, 2 novembre 1975).

Come esercizio, vi propongo di vedere o rivedere Il vangelo secondo Matteo di Pasolini, e di scriverne una breve recensione.

Alla prossima.

× Dubbi? Chatta con noi