Il rischio e il pericolo

Quello che ci distingue dai campioni è che loro hanno paura del pericolo, noi invece abbiamo paura del rischio.

Claudia Colaneri conduce laboratori di scrittura collettiva per disabili adulti con ritardo mentale. La sfida consiste nel trattare temi “alti”. Ecco quello che può succedere in un normale incontro:

Il pericolo si riconosce dallo scotch bianco e rosso e dai battiti del cuore.
Che una cosa è pericolosa lo stabilisce tua madre e lo psichiatra.
Quello che ci distingue dai campioni è che loro hanno paura del pericolo, noi invece abbiamo paura del rischio.
Se sei convinto di essere più bravo o più fortunato di tutti, allora decidi di rischiare, anche se hai paura.
Se invece ti senti sfigato, non rischi, anche se, forse, saresti proprio tu il più bravo.
La paura ci protegge dal pericolo, ma ci impedisce di rischiare.
Poi c’è la paura più commerciale che è quella dei film del terrore o del Luna Park, dove paghi per farti convincere che hai corso un pericolo e ne sei uscito perché sei bravo o fortunato, e così ti senti meno sfigato del solito.
Gli eroi si riparano dal pericolo con lo scudo, i piloti col casco, i poliziotti col giubbetto antiproiettile, e le mamme con la maglia di lana.

Condividi su Facebook

Claudia Colaneri

Claudia Colaneri lavora in ambito sociale come operatrice e formatrice, specializzata in teatro integrato, metodo autobiografico, scrittura creativa, musicoterapia. Per lei, scrivere è una forma di comunicazione non autoreferenziale, ma interpersonale. Quando la scrittura viene messa al servizio degli altri non è più solo arte, ma diviene un fenomeno sociale e un potentissimo atto rivoluzionario.

Tag

Potrebbe piacerti anche...

Dentro la lampada

Mandela e Achebe

L’incontro con pagine illuminanti, in compagnia delle quali le mura della prigione non esistono più.

Leggi Tutto
Apri la chat
Dubbi? Chatta con noi
Ciao! Scrivimi un messaggio per dirmi come posso aiutarti :)