La buona strada

Pensate che nessuno al mondo vi capisca, che a nessuno freghi un accidente di voi, di quello che pensate, di quello che scrivete?

Pensate che nessuno al mondo vi capisca, che a nessuno freghi un accidente di voi, di quello che pensate, di quello che scrivete? Bene, allora state sulla buona strada per diventare scrittori dell’io, magari anche lagnosi e vittimisti; se invece pensate che tutti vi amano, che il mondo è splendido e generoso, se siete sempre giulivi e soddisfatti anche da sobri, beh, siete sulla buona strada per scrivere romanzi rosa; se invece volete fare gli scrittori comici, umoristici, vi prego, scrivete libri che fanno ridere davvero. Non c’è cosa più triste di un libro che vorrebbe essere comico, che magari si definisce tale, ma non fa ridere. Se invece vi interrogate moltissimo sulla sorte della civiltà, sui massimi sistemi, sul senso della vita, siete probabilmente orientati verso il romanzo filosofico o metafisico e posso anche ipotizzare che non diventerete ricchi scrivendo. Insomma ogni scrittore ha la propria inclinazione, il proprio speciale talento, e per esperienza posso dirvi che serve a poco forzarsi in altre direzioni perché magari editorialmente e mediaticamente funzionano meglio. Per esempio, oggigiorno vanno di moda i gialli, ma se non siete giallisti, thrilleristi, noiristi per vocazione, anche se avete studiato tutte le tecniche del “genere” e avete letto un’infinità di gialli, sarete sempre dei giallisti mediocri, e soffrirete scrivendo e prima o poi tornerete al vostro genere d’elezione, qualunque esso sia. Bisogna assecondare il proprio talento, se vogliamo cavare il meglio dalla nostra scrittura.

Ultimo caso. Se per voi la scrittura più che una effettiva necessità è un modo per entrare in contatto con persone importanti, se è nella sostanza solo un veicolo di affermazione sociale, insomma se più che sbattervi su una frase o su un personaggio amereste sbattervi le veline e conoscere i divi della tivù e andare al grande fratello, beh, vi prego, lasciate perdere da subito. Questo è un mestiere solitario e faticoso, quasi sempre avaro di gratificazioni economiche, che si fa lontano dai riflettori.

Condividi su Facebook

Andrea Carraro

Andrea Carraro, scrittore, nasce a Roma. Se avesse ricevuto un euro ogni volta che sui media hanno usato il termine “il branco” per parlare di uno stupro di gruppo, citando il titolo del suo romanzo più noto, oggi sarebbe ricco. Invece è “solo” uno scrittore tra i più bravi. Romanziere, autore di racconti e di poesie, nasce a Roma nel 1959. Ha pubblicato i romanzi: A denti stretti (Gremese, 1990), Il branco (Theoria, 1994), diventato un film di Marco Risi, L’erba cattiva (Giunti, 1996), La ragione del più forte (Feltrinelli, 1999), Non c’è più tempo (Rizzoli, 2002) (Premio Mondello), Il sorcio (Gaffi, 2007), Come fratelli (Melville, 2013), Sacrificio (Castelvecchi, 2017) e le poesie narrative Questioni private (Marco Saya, 2013). Ha pubblicato anche due raccolte di racconti, confluite nel volume Tutti i racconti (Melville, 2017). I suoi giudizi critici, sensibili ma affilati quando serve, lo rendono un lettore del cui parere fidarsi con tranquillità.

Tag

Potrebbe piacerti anche...

Dentro la lampada

Io ero la marchigiana

In occasione dell’uscita del secondo episodio, Giovanni Giusti ci racconta il dietro le quinte del suo podcast.

Leggi Tutto
Apri la chat
Dubbi? Chatta con noi
Ciao! Scrivimi un messaggio per dirmi come posso aiutarti :)