fbpx

Contattaci |

+39 351 877 94 61

Orari: LUN – VEN 10:00/17:00 |

Mangiare la castagnola finché è fresca

La cosa peggiore che ti può capitare sono le castagnole vecchie, di due o tre giorni. Invece di essere morbide con la crostina dorata e lo zucchero croccante diventano delle palle di farina che si sono dimenticate di essere state fritte. Se dentro c’è la crema, oppure la marmellata, la situazione migliora un po’, ma è difficile resistere alla tentazione di usarle come palline per lanciarle a un bassotto. Lui magari le azzannerà, ma forse no, è un bassotto mica è scemo. È per questo che quando ci viene un’idea per un racconto nei laboratori bisogna scriverla subito, mangiare la castagnola finché è fresca, poi certo a qualcuno verrà fuori una frittella uniformemente dorata dal sapore convincente, a qualcun altro verrà invece uno sgorbio giallognolo che odora di olio stracotto. Ma non vi preoccupate la ricetta per la castagnola perfetta ve la diamo noi.

Paolo Restuccia, NON ESAGERARE, SPARA!

Andrea Fassi, COME TRASFORMO IN GELATO “L’URLO” DI MUNCH

Andrea Carraro, ASCIUGARE LA LINGUA

Luisa Sagripanti, GOLDEN LIKE

Lorenza Tornimparte, NON È FRANCESCA

Francesco Ioppolo, DOPPI VETRI

Claudia Colaneri, L’ANSIA DEL BOH!

Cinzia Zanchi, LA LAUREA DI FENOGLIO

Antonella Busino e Mario Abbati, È IL MOMENTO DELL’INIZIO! (IL TAROSCOPO DELLA SETTIMANA)

Francesca Di Gangi, FRA MEMORIA E FUTURO