fbpx

Contattaci |

+39 351 877 94 61

Orari: LUN – VEN 10:00/17:00 |

Raccontare faccende private

Non abbiate troppa paura che tizio e caio possano riconoscersi nel vostro romanzo-racconto, attingete, nella creazione dei personaggi, dal mondo che vi è familiare (la casa, il lavoro, gli amici, i vicini… catturate ambienti luoghi oltre alle persone) specie se non vi riesce tanto facile inventare tutto di sana pianta, e se avete la vocazione all’autobiografismo. Naturalmente cambiate i nomi per evitare qualunque possibile danno legale, per rispetto della privacy, e magari mutate qualche particolare anatomico, o qualche altro dettaglio, ma conservate la sostanza se è meritevole di essere narrata anche se è brutta e/o sgradevole. I grandi libri partono spesso da faccende/ossessioni private che lo scrittore decide a un certo punto di raccontare, o forse non può fare a meno di raccontare, filtrandoli, sublimandoli, certo, nella sua opera letteraria. Pensate, tanto per fare qualche esempio grande, ai romanzi di Saul Bellow, che qualcuno ha definito “autobiografia indiretta”, o a quelli di Philip Roth, dal Lamento di Portnoy in poi, ma anche, molto prima, a quelli di Svevo…