Come trasformo in gelato “La vera storia del pirata Long John Silver”

Questa volta il mastro gelatiere Andrea Fassi si supera: trasforma in gelato nietepopodimenoche un pirata. E che pirata!

La vera storia del pirata Long John Silver è il mio libro preferito. Long John Silver, personaggio chiave de L’isola del tesoro di Stevenson, diventa protagonista assoluto nel libro dello scrittore svedese Larsson che con minuziosa attenzione e dedizione rende al pirata temuto persino dal Capitano Flint ciò che merita. Sì perché non esiste miglior storia piratesca di quella di “Barbecue”, altro suo soprannome; lui è il pirata senza scrupoli consumato da se stesso, è l’esatto corrispettivo della miglior crema gelato al whisky, Talisker scozzese torbato per stomaci forti, ovviamente. Non per tutti.
Silver è l’uomo libero per eccellenza, schiavo solo della sua libertà e fiero della sua ferocia che brandisce come la sua gamba di legno; si racconta pagina dopo pagina grazie alla penna dello scrittore svedese senza mai deludere le aspettative di chi sogna la pelle dura e il vento sul viso alla ricerca di tesori e rispetto. E sempre resterà la crema la trasposizione Silveriana in gelato, questa volta una crema con sentori di tabacco e rum, perché un pirata lasci il segno, non si può prescindere il vizio.
Sea Cook, il cuoco di bordo. Perché Long John Silver oltre che quartiermastro è anche cuoco, ma qualsivoglia ruolo egli ricopra, resta temuto al solo sentore del suo arrivo. E se il terribile Sea Cook freddasse una pentola con dell’acqua gelida per gustare un po’ di gelato? Bè produrrebbe senza dubbio una sostanziosa crema con spezie di isole lontane trafugate da navi mercantili impotenti.
Riga dopo riga Silver conclude il suo manoscritto, la storia della sua vita, una vita nella menzogna che tocca picchi di verità consentiti a pochi uomini.

È stato un bel racconto. Ora lascia che il vecchio Silver ti dia un buon consiglio. Impara a raccontare storie. Impara a inventare e a mentire. Te la caverai sempre. Restar muto e non avere risposte è la cosa peggiore che possa capitare a un uomo. Sempre che tu voglia diventare un uomo, si capisce. Altrimenti non importa”


Immagine di copertina: dettaglio del volume La vera storia del pirata Long John Silver di Björn Larsson, Iperborea, 1998

Condividi su Facebook

Andrea Fassi

Pronipote del fondatore del Palazzo del Freddo, Andrea rappresenta la quinta generazione della famiglia Fassi. Si laurea in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali coltivando l’interesse per la scrittura. Prima di seguire la passione di famiglia, gira il mondo ricoprendo diversi ruoli nel settore della ristorazione ed entrando in contatto con culture lontane. Cresciuto con il gelato nel sangue, ama applicare le sue esperienze di viaggiatore alla produzione di gusti rari e sperimentali che propone durante showcooking e corsi al Palazzo del Freddo. Ritorna al passato dando spazio al valore dell’intuito invece dei rigidi schemi matematici in cui spesso oggi è racchiuso il mondo del gelato. Combina la passione per il laboratorio con il controllo di gestione: è l’unico responsabile del Palazzo del Freddo in qualità di Amministratore Delegato e segue la produzione dei locali esteri in franchising dell’azienda. In costante aggiornamento, ha conseguito il Master del Sole 24 Ore in Food and Beverage Management. La passione per la lettura e la scrittura lo porta alla fondazione della Scuola di scrittura Genius nel 2019 insieme a Paolo Restuccia, Lucia Pappalardo, Luigi Annibaldi e ad altri editor e scrittori. Premiato al concorso “Bukowsky” per il racconto “La macchina del giovane Saleri”, riceve il primo premio al concorso “Esquilino” per il racconto “Osso di Seppia” e due menzioni speciali nei rispettivi concorsi “Premio città di Latina” e “Concorso Mario Berrino”. Il suo racconto “Quando smette di piovere”, dedicato alla compagna, viene scelto tra i migliori racconti al concorso “Michelangelo Buonarroti”. Ogni martedì segue la sua rubrica per la scuola Genius in cui propone racconti brevi, pagine scelte sui sensi e aneddoti dietro le materie prime di tutto il mondo. Per la testata “Il cielo Sopra Esquilino” segue la rubrica “Esquisito” e ha collaborato con il sito web “La cucina italiana” scrivendo di gelato. Docente Genius di scrittura sensoriale, organizza con gli altri insegnanti “Il gusto per le storie”, cena evento di degustazione di gelato in cui le portate si ispirano a libri e film.

Tag

Potrebbe piacerti anche...

Dentro la lampada

Calvario

A “X”, per giocare, c’erano solo la fantasia, i piedi e le mani. Anche la voce, ma bassa, finché si era per le strade.

Leggi Tutto
Apri la chat
Dubbi? Chatta con noi
Ciao! Scrivimi un messaggio per dirmi come posso aiutarti :)