fbpx

Contattaci |

+39 351 877 94 61

Orari: LUN – VEN 10:00/17:00 |

Se confondi lo scrittore con il personaggio

Attenzione a non confondere chi narra con il personaggio. Se racconto che il tale è uno stronzo non è detto che io autore lo sia. Questo l’alibi, la scusa, o forse la mezza verità che chi scrive di sé si trova spesso a interpretare… “Ma no, non mi riferivo a noi, è un romanzo”. Questione declinata in svariati modi nel cinema di Fellini e di Woody Allen e anche in Bergman. È presente in Otto e mezzo e in tanti film di Allen. Direi che è per entrambi – Fellini e Woody Allen – una vera ossessione.  In 8 e mezzo è terribile e sublime: per esempio quando si trovano in sala di proiezione e visionano col produttore e altri della produzione dei provini in cui lui, Mastroianni alias Fellini, “cerca” una donna del popolo che possa fare la parte della sua amante cafona e culona, la Milo. La moglie Anuk Aimé se ne va dalla sala fuori di sé, lui la rincorre e lei gli fa ringhiando di rabbia: “Certo, è un film, come no?, la solita scusa, e quanto mi sono stufata di fare la parte della piccola borghese che non capisce…”.