Perché devi leggere Calafiore di Arturo Belluardo (Nutrimenti)

Dopo "Minchia di mare" ecco il nuovo libro di Arturo Belluardo, "Calafiore", Nutrimenti.

Perché è un romanzo potente, una commedia nera, umoristica e feroce.

Perché il protagonista è così tenero che si mangia.

Perché coinvolge molto dell’immaginario collettivo dei nostri anni.

Perché ci sono due cannibali e diversi supereroi.

Perché la citazione di Marx che c’è all’inizio c’entra proprio.

Perché fa ridere e questo basta.

Perché ci sono Fata Fiatella e Cersei Lannister.

Perché le banche sono cattive e certi bancari di più.

Perché è eccessivo senza diventare mai stupido o volgare.

Perché c’è uno che vuole sembrare Hulk ma è solo grasso.

Perché i mafiosi sono cattivi e non hanno neanche un buon sapore.

Perché tutti abbiamo sostato di notte davanti al frigorifero.

Perché ci sono due cugini tali e quali a Stanlio & Ollio, però uno solo è gay.

Perché è un romanzo sul cibo pubblicato da una casa editrice che si chiama Nutrimenti.

Perché l’ha scritto l’autore di Minchia di mare.

Perché adesso ti appiccico un brano qui sotto e capirai.

Mi chiamo Calafiore e ho fame.

Io ho fame, ho sempre fame. Ho sempre avuto fame. Come Galactus, che divorava pianeti a pranzo e lune a colazione; gli anelli di Saturno se li mangiava per aperitivo, come fossero anelli di calamaro o di cipolla fritti, di quelli che fanno da Burger King, che ti ci vogliono due giorni per digerirli e hai un alito che ti riconoscono a cinque metri di distanza.

“Che ti calasti oggi, Calafiore?”, mi prendeva per il culo Cesare Pavoncello, il responsabile dell’Ufficio logistica e beni immobili. “Bambini morti? E che sei comunista, Calafiore, che ti mangi i bambini?”.

Ma io erano anni che non lo ascoltavo più e, quando proprio non lo sopportavo, quando non sopportavo lui e gli altri impiegati e funzionari del Credito Laziale, guardavo la copertina dei Fantastici Quattro numero 45, quella dove Galactus tutto verde sparava con le mani a Reed Richards e agli amici suoi. La copertina me l’ero attaccata a una colonna del caveau, di fronte al mio tavolino e quando mi facevano incazzare la guardavo, inspiravo forte, gonfiavo la pancia più che potevo, stendevo le mani in avanti e gridavo: “Morite, morite tutti quanti, io vi divoro tutti quanti. Io sono Galactus e ho fame!”

Arturo Belluardo, Calafiore (Nutrimenti 2019)

Condividi su Facebook

Paolo Restuccia

Scrittore e regista. Cura la regia della trasmissione Il Ruggito del Coniglio su Rai Radio2. Ha pubblicato i romanzi La strategia del tango (Gaffi), Io sono Kurt (Fazi) e Il colore del tuo sangue (Arkadia). Ha insegnato nel corso di Scrittura Generale dell’università La Sapienza Università di Roma e insegna Scrittura e Radio all’Università Pontificia Salesiana. È stato co-fondatore e direttore della rivista Omero. Ha tradotto i manuali Story e Dialoghi di Robert McKee e Guida di Snoopy alla vita dello scrittore di C. Barnaby, M. Schulz.

Tag

Potrebbe piacerti anche...

Apri la chat
Dubbi? Chatta con noi
Ciao! Scrivimi un messaggio per dirmi come posso aiutarti :)